Ogni imprenditore o libero professionista ogni mattina si sveglia e sa che dovrà andare a vendere i propri prodotti o servizi sul mercato.

La storia (inventata) di Mario.

Mario è uno sviluppatore di siti web che ha da poco aperto la P.IVA. Crede che un buon sito debba essere programmato da zero, contenere grafiche realizzate ad hoc, foto scattate dal vivo in maniera professionale (evitando immagini di stock comprate, per intenderci), testi curati nei minimi dettagli, lunghi studi di usabilità, ecc.

Mario però sa anche che un lavoro del genere richiederebbe un notevole monte ore, e che questo comporterebbe una certa spesa al cliente, per esempio, di 3.000 €.

Dato che Mario non ha una lunga carriera alle spalle e lavora da solo, si interfaccia principalmente con piccole realtà. Il piccolo imprenditore medio, però, non è generalmente una persona così “tecnologicamente illuminata” da capire il valore (e l’utilità) di un investimento del genere, e non vuole assolutamente spendere quella cifra.

Mario tenta di convincere il cliente, ma questo non si convince e decide di far gestire il rifacimento del sito da un altro professionista che, per la metà del prezzo, gli fa un lavoro più scadente.

La morale di questa storia

Mario ha due modi per uscire da questa situazione

  1. Accetta di non poter cambiare il mercato e, partendo dalle aspettative economiche dei clienti (per esempio spendere 1.500€), cerca di tirare fuori il prodotto migliore in quella fascia di prezzo
  2. Lavora per cambiare “status lavorativo” (fa carriera, apre uno studio pieno di professionisti, collabora con realtà famose, ecc.) e a quel punto si può permettere il lusso di interfacciarsi con una clientela diversa e più “illuminata”

Non possiamo cambiare il mercato!

Questa è una frase che dico sempre… In realtà non è del tutto vera e andrebbe riscritta così: “a meno che non siate i prossimi Steve Jobs, o i prossimi Adriano Olivetti, è altamente improbabile che riusciate a cambiare il mercato”. Quindi è più facile che abbiate successo giocando la partita secondo le regole e dando il massimo, piuttosto che tentare di cambiare le regole del gioco. Anche quando proponete regole migliori!

Autore: Saverio Barbati Stampi

Saverio Barbati StampiLaureato in Ingegneria elettronica ed esperto del mondo IT, appassionato specialista del web e intenditore di marketing, convinto sostenitore della formazione professionale, ho impostato la mia attività imprenditoriale concentrandomi sul perfezionamento dell'ambito organizzativo, al fine di ottimizzare ogni aspetto gestionale.